Lavaggio stampi ad ultrasuoni


Lavatrici ad ultrasuoni e impianti per la completa manutenzione di stampi e matrici.

Le operazioni successive allo stampaggio comportano fasi di smontaggio e di pulitura dello stampo. ULTRASUONI I.E. progetta e costruisce sistemi ultrasonori e macchine di lavaggio dedicati alla pulitura di stampi.

In ogni comparto, dallo stampaggio di articoli in alluminio (pressofusione e colata a gravità in conchiglia) allo stampaggio a iniezione, a coestrusione, a contropressione o a compressione nei settori della produzione di manufatti in termoplastica, termoindurenti e poliuretanici per automotive e accessori per cucina e casalinghi, la pulizia degli stampi è una fase fondamentale per un ottimale ripristino delle funzionalità delle superfici di stampaggio.

Nella pressa, lo stampo viene sottoposto a migliaia di cicli di lavoro in alta temperatura e stressanti per il materiale che lo compone e per la sua sagoma, e questo accade per ogni singolo tipo di pezzo da produrre. “Distaccanti spruzzati sulle impronte, grasso, olio, calcare nelle canalizzazioni di raffreddamento, residui carbonizzati di materiale, ossidazioni da gas e numerosi altri problemi sono fattori che possono ridurre la durata di vita dello stampo e richiedono giornate intere di lavoro manuale nel reparto stampi, dove gli addetti sono impegnati con la riconsegna urgente di stampi manutenzionati da riutilizzare sulle presse”, come ci conferma il titolare dell’azienda.

lavatrici ad ultrasuoni per stampi

L’intero ciclo di lavaggio e manutenzione degli stampi dura pochi minuti.

ULTRASUONI I.E. conosce in modo approfondito le esigenze dello stampista. Forte di un’esperienza trentennale, l’azienda milanese ha fornito soluzioni innovative a centinaia di produttori, in tutti i settori. “I nostri impianti di lavaggio e manutenzione per stampi e modelli serie VS Industria hanno permesso di risolvere una casistica molto ampia e articolata, molto spesso complessa e non risolvibile con i metodi e i macchinari tradizionali”, sottolinea La direzione dell’azienda.

Gli impianti di lavaggio ad ultrasuoni serie VS svolgono in pochi minuti l’intero ciclo di manutenzione stampi:

  • Lavaggio caldo con ultrasuoni
  • Risciacquo idrocinetico
  • Protezione dewatering con asciugatura finale.

“Con le nostre soluzioni – spiega il direttore – lo stampo può essere pulito anche senza smontarlo dalla pressa, non è necessario nessun aggiustaggio e raschiatura manuale e il risultato di finitura è ottimale dato che le onde ultrasoniche del generatore digitale a microprocessore riescono a penetrare negli anfratti, nei fori ciechi, negli sfiati, nei sottosquadra e in tutte le superfici che non sono visibili a occhio nudo”.
L’operazione di pulitura a ultrasuoni, automatica e ripetitiva, garantisce elevata qualità e certezza di lavaggio per molti anni, con la sicurezza di salvaguardare spigoli vivi e superfici estremamente delicate.

lavaggio stampi e motori ad ultrasuoni

Il sistema è infatti stato studiato per queste specifiche applicazioni sugli stampi e comprende l’utilizzo di dtergenti ecologici e biodegradabili hanno consentito di sostituire i vecchi prodotti solventati e i detersivi non adatti al rispetto ambientale.
Le lavatrici a ultrasuoni sono dotate di generatori multifrequenza, di ultrasuoni digitali di nuova generazione, studiati e messi a punto negli stabilimenti del gruppo produttivo di ULTRASUONI I.E.

Gli impianti sono componibili con moduli standard e su misura, con accessori speciali e con prodotti di finitura ultrasonora che sono sempre fabbricati negli stabilimenti lombardi di questo produttore di macchine di lavaggio industriali.
“Costi orari di gestione praticamente azzerati, assenza di costi di manodopera, massimo risultato in tempi ragionevoli anche per pulizie profonde di calamina e nero da olio carbonizzato ad alte temperature, sono parametri importanti per apprezzare il supporto ottenibile nel Reparto stampi utilizzando questa serie di macchine a ultrasuoni”, conclude la direzione aziendale.

I settori comunemente interessati da attività di manutenzione sono i seguenti:

  • Stampi per pressofusione di alluminio, zama e leghe leggere
  • Stampi per materie plastiche per elettromedicali, per componenti tecnici e industriali
  • Stampi e matrici per gomma, per guarnizioni, o-ring, tenute rotanti pompe, articoli tecnici
  • Stampi per allumina sinterizzata, per candelette, caldaie, resistori e dielettrici
  • Stampi per poliuretano per parti di autoveicoli e moto
  • Stampi in lega leggera per scarpe, suole, filati tessili, calze, calzature sportive
  • Filiere per altri materiali plastici o in gomma, per cavi e conduttori elettrici, tubi e raccordi idraulica, cavi fibra ottica
  • Filiere per trafilati in alluminio, in plastica o in gomma
  • Stampaggio in pressocolata di ottone e rame
  • Stampaggio a compressione, stampi per imbutitura di acciaio inossidabile.